Eventi

RESTATE DI MARMO, ANZI DI BURRO.

C’erano una volta Fidia, Michelangelo, Canova… oggi c’è Anne-Alexandra Bacchetta Patureau. Non vorremmo suonare irriverenti nei confronti di quei giganti del passato, ma neppure togliere nulla al talento cristallino di questa giovane scultrice.

Come ogni scultore classico, Alexandra plasma la creta e realizza opere in bronzo, ma adora scolpire e modellare un materiale plastico sublime, il burro (sì proprio quello da cucina!) per creare “sculture effimere simbolo dell’impermanenza”.

Lo Showroom Foster ha accolto una sezione del Brerart (24-29 Ottobre) e Alexandra è tra gli esponenti del movimento dei Cibartisti.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply